Mercoledì, 08 Ottobre 2008 19:39

Occhioaimedia.org

Scritto da Comitato Occhioaimedia
Vota questo articolo
(0 Voti)

La stampa italiana è piena di titoli e articoli che non apparirebbero mai nei media di altri paesi.

Quando persone provenienti dagli Stati Uniti, dall’Inghilterra o dalla Francia, sopratutto se fanno parte di minoranze etniche, leggono i giornali italiani, non possono credere ai loro occhi.

In alcuni, vedono titoli e articoli che, anche se apparentemente innocui per persone crescuite in un’ambiente monoetnico, sarebbero considerati fuoriluogo o di cattivo gusto in una società mista e sarebbero oggetto di forte protesta da parte dei lettori, costringendo i proprietari ed i dirigenti dei giornali stessi a cambiare tono.

Ma in altri giornali e riviste italiane vedono ogni genere di offesa contro milioni di persone colpevoli solo di appartenere ad una minoranza etnica, ogni genere di accusa generalizzata che associa etnie intere con la criminalità, con la violenza sessuale, con la prostituzione, con lo spaccio della droga e ogni genere di porcheria che dipinge un quadro complessivo in cui gli immigrati compaiono come animali piuttosto che esseri umani.Nei loro paesi, articoli di questo genere sarebbero considerati incitamento all'odio razziale e verrebbero bloccati molto prima di arrivare sulle pagine dei media perchè sarebbero o illegali, o autocensurati dai giornalisti stessi.

L'anno scorso in Italia è stata firmata  la "Carta di Roma", un codice etico che i giornalisti dovrrebbero seguire quando scrivono di immigrati, rifugiati politici e richiedenti asilo, ma nonostante gli sforzi notevoli di alcuni giornalisti, il fiume di articoli xenofobi continua a scorrere e si vede che la risoluzione di questo problema, sopratutto nel contesto della politica molto dura sull'immigrazione dell'attuale governo, non sarà ne facile ne breve.

E’ per questo che vi invitiamo a segnalarci qualsiasi cosa che vedete nella stampa che, a vostro parere, sia di carattere razzista, xenofobo o offensivo contro le minoranze etniche in Italia. Vi invitiamo, se lo ritenete necessario, a mandarci anche un breve commento che spieghi perchè secondo voi l’articolo è razzista; capita spesso che un tipo di linguaggio che sembra normale a persone provenienti da una certa cultura possa essere offensivo per persone provenienti da culture diverse. Questo ˝monitoraggio˝ dei media può essere concepito non solo come strumento di protesta contro gli eccessi della stampa, dunque, ma anche come un piccolo contributo al processo di apprendimento necessario per la convivenza in una società multietnica.

Per ora, abbiamo deciso di fare una raccolta di articoli e titoli nei media che siano di carattere razzista o che incitino all’odio razziale. Stiamo pensando in modo particolare alla stampa locale, perchè influenza gli atteggiamenti ed il comportamento delle persone nella loro vita quotidiana, ma qualsiasi segnalazione di qualsiasi giornale o rivista italiana sarà accolta.

Non abbiamo ancora deciso esattamente cosa vogliamo fare con la raccolta di articoli segnalati ed anche su questo vi invitiamo a mandarci i vostri commenti e suggerimenti. Per ora vogliamo solo dare una occhiataai media e far sapere ai media che stiamo tenendo d’occhio il veleno che impunemente e senza alcuna vergogna pubblicano giorno dopo giorno.

Letto 3584 volte Ultima modifica il Giovedì, 04 Dicembre 2008 12:51

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Seguici anche su...


Questo sito aderisce al protocollo d'intesa sulla comunicazione interculturale promosso dalla Regione Emilia Romagna

La carta di Roma è un documento voluto dalle organizzazioni dei giornalisti per autoregolamentare il "trattamento delle informazioni concernenti i richiedenti asilo, i rifugiati, le vittime della tratta ed i migranti nel territorio della Repubblica Italiana ed altrove". 

Leggi la carta - scarica la carta

Occhioaimedia.org è una iniziativa a cura dell'Associazione Cittadini del Mondo
Via Kennedy, 24 - Ferrara - www.cittadinidelmondo.org
Sito non periodico escluso dall'applicazione della Legge 7 marzo 2001, n. 62