Martedì, 28 Gennaio 2020 10:49

Caro Facebook

Caro Facebook,
perchè avete aspettato la fine della campagna elettorale prima di rimuoverlo?

Martedì, 24 Settembre 2019 08:33

Occhio ai Media al Festival dei Diritti

Domenica, 28 Ottobre 2018 07:51

Una buona notizia

Il Comune di Ferrara fa il gemellaggio con il Comune di Riace. Grazie a tutti! (foto: Ferraraitalia.it)

MILANO - Per una volta i «suoi» bimbi stranieri - algerini, filippini, egiziani, marocchini, cinesi, algerini - non sono oggetto di critiche, di studi sociologici, di osservazioni su integrazione e «aree a forte processo migratorio». Giovanni Del Bene, preside dell' istituto comprensivo Luigi Cadorna di Milano, il 50 per cento di iscritti extracomunitari alle elementari e il 70 alla materna, sorride: «Con i miei iscritti ho mantenuto intatto l' organico». Alunni di diverse etnie e tempo pieno consolidato da anni. Ecco i due segreti che garantiscono un «futuro discretamente tranquillo» a Del Bene, dirigente scolastico in una zona popolare della città. Anche quest' anno gli studenti stranieri aumentano. Alla materna, alle elementari e alle medie. E se la cosa rischia di non piacere ad alcuni genitori italiani (è già successo in passato, non a caso la Cadorna è stata definita per anni «scuola-ghetto»), il dirigente continua: «Questi bambini ci consentono di mantenere intatti i posti di lavoro». E poi «sia chiaro: i miei alunni sono quasi tutti nati in Italia, parlano perfettamente la nostra lingua». Previsione per settembre: sei prime elementari e un organico di 60 docenti. «Tutte le famiglie hanno scelto il tempo pieno e questo ci ha consentito di avere due insegnanti per classe». Certo, non a tutta Milano è andata così bene. I tagli alla primaria si aggirano intorno alle 297 unità e proprio ieri i rappresentanti dei sindacati lombardi hanno contestato le riduzioni imposte dalla Finanziaria. Del Bene allarga le braccia: «Dobbiamo essere pronti a reggere l' impatto e a fare il meglio con quello che ci è dato. È vero, l' abolizione delle compresenze rende le cose più difficili ma l' autonomia ci permetterà di organizzarci». Un' impresa non semplice. «Ma la nostra è una scuola di frontiera. Conosciamo bene l' arte di arrangiarci». A. Sac.
Sacchi Annachiara

Corriere della Sera
giovedì 16 aprile 2009

Leggi l'articolo originale


Via John Fitzgerald Kennedy, 24
44122, Ferrara, FE
Tel: 0532.764334

Contatti

This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it. 

Questo sito è una iniziativa dell'Associazione Cittadini del Mondo Ferrara