OCCHIO AI MEDIA

  • Accedi

La nostra storia

Occhio Ai Media è un progetto nato nel 2010 dall’Associazione Cittadini del Mondo di Ferrara, un’organizzazione multietnica formata nel 1993 da cittadini di varie nazionalità con lo scopo di favorire l’inclusione e la tutela degli immigrati.
La creazione del gruppo è stata la naturale risposta alla mancanza di una rappresentanza che rispondesse ai toni incresciosi della stampa nei confronti degli immigrati ed extracomunitari. Infatti il suo ruolo è analizzare gli articoli e segnalare quelli che mirano a denigrare e discriminare le minoranze etniche, senza rispettare il codice deontologico instaurato dall’ODG (Ordine Dei Giornalisti) e dalla Associazione Carta di Roma.


La nostra mission

La stampa italiana è piena di titoli e articoli che in altri paesi sarebbero considerati incitamento all'odio razziale, e il loro potenziale effetto è quello di colpire e osteggiare la crescita di una civile e pacifica società multiculturale.
Una delle peculiarità del gruppo di Occhio Ai Media è la presenza di giovani ragazzi e ragazze per larga maggioranza appartenenti alla prima grande generazione multiculturale. Grazie alla dedizione e alla costanza del lavoro svolto dall’Associazione Cittadini del Mondo di Ferrara, la redazione ha avuto modo di evolversi e affermarsi sia sul territorio nazionale che internazionale, svolgendo numerose attività relative ad una vasta gamma di tematiche.


Alcune nostre attività

Questi sono solo alcuni dei progetti a cui Occhio Ai Media ha lavorato, ma è ancora grande il lavoro da svolgere nella lotta per i diritti sociali. Per questo invitiamo tutti voi a scriverci per collaborare e confrontarsi, e a segnalarci qualsiasi articolo di giornale, riviste italiane, locali o nazionali, che a vostro parere siano o abbiano connotazioni razziste, xenofobe o offensive contro le minoranze etniche.


La scrittura del libro nel 2013 “Nella mia tendopoli nessuno è straniero”, a seguito del terremoto avvenuto il 20 maggio 2012 in Emilia, il quale ha costretto molti abitanti delle zone alla convivenza nelle tendopoli. Lo scopo del libro è stato indagare quel contrasto che emergeva tra l’effettiva realtà vissuta dagli abitanti nelle tendopoli e gli articoli pubblicati dalla stampa nazionale, che hanno strumentalizzato la vicenda con la sola conseguenza di creare maggiore disagio sociale.


La collaborazione annuale con il Festival di Internazionale a Ferrara, come intervistatori e relatori in alcuni incontri.


Lezioni frontali in aule delle scuole superiori e seminari in alcuni corsi universitari, per condurre gli studenti verso il ragionamento critico nei confronti della stampa e dei media in generale, analizzando in particolare le strumentalizzazioni mediatiche delle parole e le fake news.


La creazione di diversi video educativi: “5 modi per contrastare il razzismo” ispirato da un video pubblicato da un gruppo inglese, “Occhio all’Odio” in cui raccontiamo di alcuni episodi razzisti avvenuti in Italia e “Occhio al Profilo Etnico” in cui trattiamo della profilazione etnica (un tema ancora poco affrontato in Italia ma molto presente).


La stesura di report in collaborazione con l’associazione Carta di Roma, in cui con un metodo semi-scientifico abbiamo mostrato il comportamento della stampa locale ferrarese rispetto alla trattazione di notizie su stranieri/minoranze etniche. Il primo report, “Sono solo parole”, ha studiato gli articoli pubblicati nel periodo in prossimità delle elezioni comunali del 2019; il secondo report, “Ai tempi di una pandemia nessuno è straniero”, ha invece riguardato il periodo del lockdown per pandemia da Covid-19.



il nostro team

Federica Eneji

Shahazeb Mohammad

Malek Fatoum

Siham Adaim

Marco Paolati

Sonia Riccitiello

Mary Babetto

Mudassar Ali

Contatti

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

Questo sito è una iniziativa dell'Associazione Cittadini del Mondo Ferrara
Via John Fitzgerald Kennedy, 24 - 44122 Ferrara, FE | Tel: 0532.764334