OCCHIO AI MEDIA

Verso il 25 settembre

Occhio al razzismo che non c'è


Dopo l’omicidio in pieno giorno di Alika Ogorchukwu a Civitanova Marche lo scorso 29 luglio, la reazione dei media italiani è stata di dedicare pagine su pagine ai problemi mentali dell'aggressore.
Quella delle forze dell’ordine invece è stata di escludere categoricamente “connotazioni di odio razziale alla base dell’aggressione”.

In Italia si parla del razzismo come se fosse un indumento che si può scegliere di non indossare semplicemente ripetendo la frase “io non sono razzista”.

Non è così. Come mostrato nel filmato "Occhio all'odio", il periodo pre elettorale del 2018 è stato caratterizzato da una serie di aggressioni razziste senza precedenti, e il rischio che lo stesso scenario si ripeta durante la campagna attuale è alto. Dopo anni di demonizzazione degli immigrati nel discorso politico-mediatico, esiste ormai nel nostro paese un sottofondo di rabbia contro gli stranieri, pronto ad esplodere in qualsiasi momento a livello sia individuale che collettivo.

Per i residenti nigeriani di Civitanova Marche, come per la comunità nera di Macerata dopo la strage del febbraio 2018, la preoccupazione principale non è né il bipolarismo degli aggressori né la scelta di usare o no la parola “razzismo”, ma la loro incolumità mentre camminano per strada.

Il razzismo italiano esiste, ampiamente paragonabile a quello degli Stati Uniti e qualsiasi altro paese, e prima cominciamo ad analizzarlo e discuterlo seriamente, meglio è.

Vi invitiamo a contribuire al dibattito inviando le vostre segnalazioni e riflessioni utilizzando l'apposito modulo.


Festa di fine anno a Torino, al Blackmoon non entrano i ragazzi di colore

De Sinopoli: “Dare dello zingaro a Vlahovic? Non è razzismo”

Civitanova, don Albanesi: non è razzismo, ma guerra fra poveri

Dal cocktail negato ai tubi che perdono: morti senza motivo. (E non è razzismo)

Bakayoko, la Polizia: “Complimenti, è stato collaborativo. Polemica sul nulla”. Unarma: “Non è razzismo, rispettato il protocollo”

Ambulante ucciso, la comunità nigeriana di Genova: "La vergogna è chi filmava"

occhio all'odio

Occhio all'odio

La maggiore parte degli episodi che voi avete raccontate nel video sono stati riportati nella stampa come trafiletti, come articoli in pagine interne: singoli episodi staccati l’uno dall’altro. Non sono stati vissuti, interpretati e denunciati come un’escalation, come una sequenza criminale – in parte spontanea e temo in parte anche organizzata. E così si perde il senso della realtà di quello che sta succedendo e cioè il passaggio dalla violenza verbale alla violenza fisica contro gli immigrati, rom e cittadini di origine africana.

Gad Lerner, intervista a Occhioaimedia

Letture online consigliate

Segnalaci le tue letture, saremo felici di pubblicarle qui

In Italia il razzismo riguarda molte più persone di quanto si pensi

Di Oiza Q. Obasuyi, pubblicato da www.internazionale.it

La strumentalizzazione mediatica dei corpi e il razzismo

Di Laetitia Leunkeu, pubblicato da www.valigiablu.it

La pandemia per cui non esiste vaccino in Italia è il razzismo

Di Luigi Mastrodonato, pubblicato da www.wired.it

C’è un aumento degli attacchi razzisti in Italia?

Di Annalisa Camilli, pubblicato da www.internazionale.it

I rigurgiti del razzismo in Italia

Di Federica DʹAuria, pubblicato da ilbolive.unipd.it

Razzismo e rancore sociale bianco, un nesso da spezzare

Di Bruno Montesano, pubblicato da www.gliasinirivista.org

Verso il 25 settembre. Il razzismo, questo sconosciuto

Di Adrian Waters, pubblicato da www.cronachediordinariorazzismo.org

Contatti

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

Questo sito è una iniziativa dell'Associazione Cittadini del Mondo Ferrara
Via John Fitzgerald Kennedy, 24 - 44122 Ferrara, FE | Tel: 0532.764334